NBA, Beverley: “Lillard il giocatore più difficile da marcare”

Non è la prima volta nel corso della sua carriera che Beverley elogia il play avversario

Beverley, Lillard il giocatore più difficile da marcare

In otto stagioni vissute come uno dei protagonisti difensivi della NBA, Patrick Beverley ha difeso su numerosi importanti marcatori del suo e di altri ruoli.

Beverley ha rilasciato però una dichiarazione al JJ Redick Podcast in cui elogia Damian Lillard come il giocatore più difficile da marcare.

Decisamente Dame. Damian è una delle ragioni per cui mi sono dato da fare in palestra. Sono andato dal mio team e gli ho detto che sarei dovuto diventare più veloce lateralmente. Non mi sento veloce, non so se riesco a tenere il ritmo. Non so se devo perdere peso. Se devo diventare più forte. Se devo prendere un altro team. Ma so che devo diventare dannatamente più veloce.

All’interno dell’intervista lo stesso playmaker ha cercato di analizzare il sistema di Portland mettendo in evidenza come coach Jerry Stotts e il suo staff siano riusciti a costriuire un sistema che valorizza le caratteristiche che hanno fatto di Lillard uno dei giocatori più pericolosi e immancabili della Lega.

I suoi tiri da metà campo sono i miei layup e tiri dall’angolo. La dinamica della preparazione è completamente diversa quando devi affrontare giocatori di questo calibro. Del tutto diversa.

Nella bolla di Orlando, Beverley avrà modo di provare se è in grado di marcare e tenere il passo di Lillard. Los Angeles Clippers e Portaldn Trail Blazers si affronteranno l’8 agosto.

Leggi anche Le 5 curiosità su Joakim Noah