Free Agency NBA: come si muovono le franchigie in vista della ripresa

Iniziano i movimenti delle squadre NBA per allungare il proprio roster: Rockets, Mavericks, Thunder tra i più attivi, in attesa delle mosse dei Lakers.

JR Smith Los Angeles Lakers

Manca poco più di un mese alla ripresa della NBA a Disneyland, Orlando, ma le novità sono all’ordine del giorno tra giocatori che rinunciano a giocare, atleti positivi al covid-19 e infortuni. Le franchigie devono quindi muoversi sul mercato dei free agent per riempire i buchi a roster e allungare le rotazioni al meglio: la ripresa dopo 4 mesi di inattività non sarà semplice ed il calendario molto serrato.

Proviamo a riassumere tutti i movimenti che ci sono stati fino ad ora, ricordandovi che Ariza, Bertans, Bradley e Cauley-Stein non seguiranno le proprie squadre in Florida:

  • Corey Brewer ai Sacramento Kings
  • Tyler Zeller ai San Antonio Spurs
  • Luguentz Dort rifirma con gli Oklahoma City Thunder
  • Anthony Tolliver rifirma coi Memphis Grizzlies
  • David Nwaba agli Houston Rockets
  • Tyler Johnson ai Brooklyn Nets
  • Trey Burke ai Dallas Mavericks (leggi l’approfondimento)
  • Jared Harper ai New York Knicks per la prossima stagione (NY non giocherà ad Orlando)
  • Jerian Grant ai Washington Wizards

Alcuni giocatori sono invece stati tagliati, e parliamo nello specifico di:

  • Isaiah Hartenstein, rilasciato dagli Houston Rockets, potrebbe fare molto comodo a una franchigia in cerca di un lungo non troppo alto ma comunque utile in post basso
  • Theo Pinson, rilasciato dai Brooklyn Nets
  • Kadeem Allen, rilasciato dai New York Knicks

Alcuni nomi sono invece in procinto di essere firmati ma ancora non ci sono conferme: ci riferiamo in particolare a JR Smith con i Lakers, che devono rimpiazzare Avery Bradley. Vediamo nei prossimo giorni la free agency cosa ci porterà, in modo da aver ben chiaro il quadro delle franchigie ai nastri di partenza ad Orlando.