I 10 giocatori NBA più pesanti di sempre

Chi è il giocatore NBA più pesante di sempre? La classifica dei 10 giocatori più pesanti della storia, tra meteore e personaggi di successo

Oliver Miller

Uno sport fisico come l’NBA richiede giocatori con una struttura pesante, che possano avere un impatto importante sul gioco e sugli avversari. Ma cosa succede quando il peso va oltre i limiti?

Oggi scopriamo la classifica dei dieci giocatori NBA più pesanti della storia, tra chi ha perso il controllo del proprio corpo e chi invece ha fatto del proprio peso un’arma segreta.

Chi è il giocatore NBA più pesante di sempre?

10. Dexter Pittman, 139Kg

Dexter Pittman

Dexter Pittman ha avuto una carriera pre-NBA ricca di aspettative. Ai tempi del college, giocava per l’Università del Texas, successivamente ha rappresentato la Virtus Bologna ed è stato per tre anni membro regolare della Terry High School.

Dopo essere stato la trentaduesima scelta dei Miami Heat nel draft NBA 2010, la sua carriera non decollò mai. I suoi problemi con la bilancia non gli hanno permesso di trovare stabilità in nessuna squadra.

Con una media di soli 2,3 punti e 1,8 rimbalzi a partita, è passato di squadra in squadra per poi asciare la NBA dopo solo cinque anni, avendo disputato solamente 50 partite tra Miami, Memphis, Atlanta e Houston (non scendendo mai sul parquet) .

9. Tacko Fall, 141Kg

Tacko Fall in azione con i Boston Celtics

Entrato in NBA da undrafted nel 2019, Tacko Fall è stato subito accolto con grande entusiasmo dai Boston Celtics, coi quali ha firmato un contratto two-way contract. Durante la scorsa offseason si è trasferito in Ohio, ai Cleveland Cavaliers.

Grazie alle sue dimensioni ha battuto innumerevoli record diventando, contemporaneamente il giocatore più alto (226 centimetri) e più pesante in attività (141,1 chilogrammi).

E’ l’unico giocatore in attività in questa particolare classifica ed è il giocatore NBA più alto della stagione 2021/22.

8. Mengke Bateer, 141Kg

Mengke Bateer

Bateer fu uno dei migliori giocatori in Cina, ma quando arrivò negli Stati Uniti si rese conto del divario tecnico. La barriera linguistica e culturale non era l’unica cosa che Bateer doveva superare: il gioco NBA era semplicemente troppo diverso e avanzato rispetto a quello a cui l’ex giocatore dei San Antonio Spurs era abituato.

Dopo soli tre anni in NBA, con pochissime presenze, scarso minutaggio ed altrettante soddisfazioni, lascia gli Stati Uniti per fare ritorno a Pechino, al Beijing Ducks.

7. Yao Ming, 141Kg

Yao Ming e Shaq

Il 229cm di altezza di Yao Ming gli valgono il quinto posto nella classifica dei giocatori NBA più alti di sempre, ma anche il settimo posto in quella dei più pesanti.

A causa dei suoi 141kg, l’ex giocatore dei Rockets, nel corso della propria carriera, ha dovuto affrontare diversi guai fisici (soprattutto ai piedi), ma, nonostante queste avversità, riuscì ad avere un buon impatto sulla lega, giocandosi il titolo per varie stagioni al fianco di Tracy McGrady.

Nei suoi 8 anni ai Rockets, mantenne una media di 19 punti a partita, guadagnandosi un posto rispettabile nella squadra All-Star 8 volte e nella squadra All-NBA 5 volte. Yao è, senza dubbio, il giocatore asiatico più forte ad aver calcato il palcoscenico della NBA.

6. Robert Traylor, 145 Kg

Robert Traylor

Robert “Tractor” Traylor entrò in NBA come sesta scelta del Draft 1998. Le aspettative su di lui erano così alte che fu selezionato prima di giocatori come Dirk Nowitzki e Paul Pierce. Purtroppo però, non fu mai in grado di diventare il Baby Shaq che molti pensavano potesse essere.

Una volta entrato in NBA il suo peso aumentò a dismisura: Traylor disputerà, infatti, solamente sette stagioni mettendo a referto solamente 4,8 punti e 3,7 rimbalzi di media a partita e girovagando tra varie franchigie (Milwaukee, Cleveland, Charlotte) senza mai trovare fortuna.

5. Kevin Duckworth, 145 Kg

Kevin Duckworth

Nei suoi dodici anni di carriera NBA, a cavallo degli anni Novanta, “Duck” è stato due volte All Star e ha vinto il Most Improved Player nella stagione 1987/88.

Vestì le maglie di Spurs, Trail Blazers, Bullets (oggi Wizards), Bucks e Clippers, guadagnandosi addirittura qualche minuto nelle Finals 1992 contro i Bulls di Jordan quando giocava a Portland.

Fino a quando riuscì a tenere il peso sotto i 130kg riuscì sempre ad essere un giocatore molto efficace: nel suo quinto anno in NBA, concluse la stagione con una media di 18,1 punti e 8,0 rimbalzi a partita.

Tuttavia, con l’aumentare degli anni, aumentava anche il peso e, di conseguenza, gli venne a mancare la rapidità per essere la minaccia sotto canestro per cui si era fatto conoscere gli anni precedenti.

Negli anni successivi al suo ritiro il suo peso continuò ad aumentare, portandolo, con ogni probabilità, alla morte precoce nel 2008, all’età di soli 44 in seguito ad un arresto cardiaco mentre si trovava in un albergo a Gleneden Beach, Oregon.

4. Michael Sweetney, 158 Kg

Michael Sweetney

La sua carriera in NBA durò appena cinque anni, eppure c’erano grandi aspettative su di lui tanto da venir preso dai Knicks con la scelta numero 9 nel famigerato Draft del 2003 (che ha portato in NBA giocatori del calibro di LeBron James, Carmelo Anthony, Chris Bosh e Dwyane Wade) con l’obiettivo di portare in squadra un po’ di grinta e tenacia.

Ma Sweetney si rivelò presto un flop e, dopo soltanto due stagioni, passò ai Chicago Bulls, dove giocò altri due anni prima di uscire dall’orbita NBA ed iniziare a girovagare tra vari club in Venezuela, a Porto Rico ed in Cina.

3. Eddy Curry, 159 Kg

Anche lui, come Robert Traylor, sopranominato Baby Shaq per la possente stazza fisica, Eddy Curry è un altro buon giocatore NBA che, purtroppo, è finito nella classifica dei giocatori NBA più pesanti di sempre.

I Chicago Bulls lo presero direttamente dalla high school con la quarta scelta assoluta al draft del 2001 e l’inizio fu promettente, tanto che, al suo secondo anno in NBA, Eddy Curry era il leader della lega per percentuale dal campo.

Alla quarta stagione con i Bulls, aveva una media di 16,1 punti a partita e 5,4 rimbalzi a partita mentre nella sua settima stagione, stava segnando una media di 19,5 punti a partita e 7,0 rimbalzi a partita per i New York Knicks: era una vera minaccia offensiva.

Tuttavia, alla sua decima stagione in campionato, stava già mostrando segni di usura sul suo corpo: stava diventando sempre più pesante e non riusciva pià a ragiungere l’evazione a cui era abituato.

Raggiunse così i 159kg e nonostante i vari tentativi di perdere peso non riuscì mai a tornare in perfetta forma abbandonando la sua carriera per eccessiva obesità nel 2012 dopo una parentesi brevissima a Dallas.

2. Shaquille O’Neal, 163 Kg

Shaquille O'Neal

Quando nel 1992 entrò nella NBA Shaq pesava solo 133kg e si dimostrò un fenomeno da subito: alto, muscoloso e atletico. La sua trasformazione iniziò con l’arrivo a Los Angeles.

Dopo aver vinto il suo primo campionato con i Lakers nel 2002, O’Neal era già salito a circa 155kg un aumento di peso a cui contribuiva anche la sua pigrizia in allenamento, aspetto che irritava il compagno Kobe Bryant, spesso critico verso di lui.

Shaq amava il basket, ma non come lo faceva Kobe. Aveva altri interessi in bassa stagione oltre a giocare a basket e a volte ne risentiva fisicamente. Nonostante questo Shaq è stato in grado di rimanere in buona salute per la maggior parte della sua carriera chiudendola solo dopo un grave infortunio al tendine d’Achille.

1. Oliver Miller, 170 Kg

Oliver Miller

Il giocatore NBA più pesante di sempre è Oliver Miller, con 170 kg. Miller giocò nella lega dal 1992 al 1998 e ci ritornò per la stagione 2003-2004, durante la quale riuscì a ritagliarsi qualche minuto, sempre in uscita dalla panchina.

Quando entrò nella NBA, Miller pesava solo 120kg ma durante la sua carriera accumulò peso costantemente arrivando a 170kg. Nei suoi 18 anni di carriera, cambio squadra quasi ogni stagione intervallando la NBA ad altri campionati in giro per il mondo. In tutto Miller ha giocato 9 stagioni NBA per un totale di 493 partite e una media punti di 7,4.

Le ultime notizie su di lui risalgono al 2012, quando fu condannato a un anno di prigione per aver frustato un uomo che lo infastidiva durante un barbecue.

Leggi anche

Loading...