Heat, Coach Spoelstra: “Herro? Siamo dipendenti dai suoi punti”

Tyler Herro sta diventando sempre più fondamentale per i Miami Heat: le parole di coach Spoelstra

Tyler Herro

Gli Heat al momento sono la prima squadra ad Est con un record di 45-24, principalmente grazie alla forza del loro gruppo più che dal talento individuale.

In una recente intervista, coach Erik Spoelstra si è lasciato andare ad una confessione in merito al ruolo della sua giovane stella, che, a suo dire, è sempre più importante per la squadra:

Siamo giunti al punto in cui siamo dipendenti dai suoi punti. Anche difensivamente sta mostrando grossi miglioramenti, soprattutto dal lato debole e sugli aiuti, prestando molta più attenzione anche a questa fase del gioco

Erik Spoelstra, coach dei Miami Heat

È bello sentire le parole del coach in merito ai miglioramenti difensivi del prodotto di Kentucky, ed è interessante il fatto che la squadra sia ormai “dipendente” da lui. Ad oggi Tyler Herro sta viaggiando a 21.0 punti per partita in uscita dalla panchina, che lo rendono un pezzo molto importante delle rotazioni della squadra e uno dei candidati al premio di Sixth Man of the Year.

Quella di segnare i punti non è l’unica capacità di Herro, che è consapevole del fatto che le difese sono molto attente quando lui è in campo, e che quindi sta cercando di coinvolgere sempre di più i compagni:

La sua fiducia sta aumentando sempre di più, sta producendo un sacco di cose utili per noi, sia come realizzatore che come playmaker

Erik Spoelstra, coach dei Miami Heat

In questa stagione sta registrando 3.8 assist di media, segno del grande miglioramento in questo aspetto del gioco, diventando ancora più pericoloso per le altre squadre. Secondo il veterano Kyle Lowry, ha tutte le carte in regola per fare il passo successivo e diventare un’All-Star.

Il livello successivo è diventare un playmaker. Diventerà un miglior passatore e creatore di gioco, ma sarà sempre in grado di andare nelle sue zone e segnare

Kyle Lowry, playmaker dei Miami Heat

Dopo aver stupito tutti nella sua prima stagione, l’anno scorso Herro è andato incontro alle classiche difficoltà dei sophomore, i giocatori al secondo anno nella lega, a cui ha risposto alla grande quest’anno.

Leggi anche

Loading...