Jazz, Mitchell: “La sconfitta con i Suns? Questione di mentalità”

La guardia degli Utah Jazz Donovan Mitchell ha mostrato tutta la sua frustrazione dopo la sconfitta contro i Suns

Mitchell

Se volessimo riassumere la regular season degli Utah Jazz di quest’anno, la partita di ieri notte contro i Phoenix Suns sarebbe l’esempio perfetto: ad inizio quarto quarto la squadra di Lake City era sopra di ben 17 lunghezze ma è comunque riuscita a subire l’ennesima rimonta venendo propriamente schiacciati dagli avversari guidati dal solito Devin Booker, autore di 33 punti.

Nell’ultimo quarto di gioco, i Jazz hanno subito il parziale decisivo di 36-13 segnando soltanto 3 tiri su 20 tentativi e chiudendo con un 1 su 9 dall’arco che fa pensare che la squadra, davanti alla difficoltà di chiudere la partita contro quello che al momento è il miglior team della NBA, abbia mollato.

Uno dei complici di questa disfatta è stato proprio il leader Donovan Mitchell, mai capace di prendere in mano le redini della partita e guidare i suoi compagni verso la vittoria, che ai microfoni del Salt Lake City Tribune ha voluto dare le sue motivazioni sulla sconfitta senza nascondere la sua frustrazione:

Potrebbe essere una questione mentale, non lo nego. Non sto parlando per tutta la squadra ma io penso che giochiamo davvero troppo tesi. Se guardi la partita ti viene da pensare che sia una questione di mentalità ed entrando in campo in questo modo hai già perso

Donovan Mitchell

I Jazz sono ora al quinto posto a Ovest con lo stesso record dei Nuggets e si giocheranno tutto nell’ultima gara stagionale per capire se ai Playoff affronteranno Mavericks o Warriors al primo turno.

Leggi anche

Loading...