NBA, Dwyane Wade ricorda Kobe Bryant

In un podcast assieme a J.J. Redick l’ex stella dei Miami Heat ha ricordato il periodo passato con Kobe Bryant alle olimpiadi del 2008

Durante il periodo di ripresa della stagione NBA presso la bolla di Orlando la guardia dei new Orleans Pelicans J.J. Redick ha iniziato una serie di podcast con molti ospiti d’eccezione tra i quali spicca anche Dwyane Wade.

L’ex stella dei Miami Heat ha parlato di diversi argomenti riguardo il mondo cestistico per poi andare a parlare anche di Kobe Bryant e della sua influenza nel basket odierno. Trattando di questo argomento Wade ha narrato di un espediente che descrive al meglio l’etica lavorativa di Kobe ricordando i tempi in cui entrambi vestivano la maglia degli U.S.A. alle Olimpiadi:

Non mi ricordo dove fossimo ma appena abbiamo toccato terra siamo andati in palestra: io, LeBron, Melo e Kobe. Una volta finito ci siamo messi d’accordo per trovarci il mattino presto, con solamente 3 ore di sonno. Arrivati per la colazione però vediamo che Kobe ha delle borse del ghiaccio sulle ginocchia, al che gli chiediamo il motivo. Kobe ci rispose che dopo l’allenamento fatto insieme, ne aveva svolto un altro singolo e che dopo colazione si sarebbe allenato nuovamente. In quel momento stentavo a crederci: avevamo finito di allenarci poco prima, e Kobe aveva già svolto un’altra sessione ed era pronto per una successiva. In quel momento ho capito che sarei dovuto migliorare ancora di più, perchè quell’uomo era su un altro livello.”

Dwyane Wade

Leggi anche: Utah Jazz, Donovan Mitchell: “Posso fare meglio!”

Leggi anche

Loading...